Chiesa del Santissimo Nome di Gesù

Chiesa del Gesù

Dedicata al Cristo Risorto e alla Ss. Trinità, è più nota con il nome della Confraternita del Ss. Nome di Gesù, istituita nel 1578 e dedita ad attività assistenziali e di culto. L’intitolazione al Nome di Gesù e la presenza, sulla parete orientale della chiesa, del monogramma IHS (un richiamo a Bernardino da Siena, che aveva predicato anche in Piemonte) fanno supporre una devozione di più antica data. L’oratorio, costruito entro il 1659, propone in facciata quattro nicchie con statue.

Il 10 luglio 1757 un solenne Te Deum accolse l’ingresso nella chiesa del quattordicenne erede al titolo di Carignano, Vittorio Amedeo che assunse il Rettorato perpetuo della Confraternita. Dal castello si festeggiò con spari di mortaretti e colpi di cannone. L’anno dopo anche sua madre, Cristina Enrichetta d’Assia-Rotenburg, sorella della regina di Sardegna, assunse il rettorato perpetuo.  L’edificio ospita il Presepe Meccanico visitabile per tutto il periodo natalizio.