Convento e Chiesa di Santa Chiara

Santa Chiara

Il convento fu progettato da Guarino Guarini le per le terziarie domenicane contemplative e venne poi realizzato in forme semplificate solo per la parte claustrale. La chiesa fu eretta ad inizio ‘700 sulla base di un nuovo progetto, attribuito da alcuni a Francesco Gallo, da altri a Tommaso Prunotto. Caratteristica dell’opera è il grandioso coro di 50 stalli lignei.

Dopo la soppressione napoleonica degli ordini, le Domenicane abbandonarono il complesso, che nel 1880 fu acquistato dall’ Arcivescovo di Torino per le Clarisse del dismesso convento di Carignano. La chiesa fu dedicata a Santa Chiara, e si modificò parte dell’iconografia sacra dell’interno. Le monache lasciarono Racconigi nel 1963 e l’edificio venne acquisito dal Comune. Le semplici celle del primo piano ospitano  oggi la Biblioteca Civica; il piano terremo il nostro Museo.

Una famigliola di cicogne nidifica stabilmente sul campanile!